i
i
i

lunedì 19 luglio 2010

ROBOTICA: INGEGNERI CAGLIARITANI PREMIATI AL MEETING RAAD DI BUDAPEST


I ricercatori di Ingegneria meccanica ottengono un riconoscimento internazionale al Meeting RAAD 2010, che si è svolto a Budapest  dal 23 al 25 giugno scorsi. Il comitato internazionale che ha presieduto il 19th International Workshop on Robotics in Alpe-Adria-Danube Region ha premiato il gruppo di ricerca guidato dal prof. Andrea Manuello e formato dagli ingegneri Costantino Falchi, Rinaldo Pinna e Roberto Ricciu per i risultati dello studio “An integrated device for saffron flowers detaching and harvesting”, sulla meccanizzazione della raccolta dei fiori di zafferano. Il premio è stato consegnato nel corso della sessione plenaria all’ing. Ricciu, presente all’importante evento scientifico in Ungheria. 
Le ricerche condotte negli ultimi anni dal gruppo del prof. Manuello, divenute ora di interesse internazionale, riguardano dispositivi innovativi per la raccolta dello zafferano. La tradizionale lavorazione del cosiddetto “oro rosso” richiede un grande dispendio di energie e di attenzione, con la meccanizzazione le aziende ortofloricole che si dedicano a tale coltura possono invece usufruire di strumenti maneggevoli automatici o semi-automatici per agevolare, ottimizzare o sostituire del tutto la raccolta manuale.
Dopo la realizzazione dei primi prototipi, in lega leggera e di facile impugnatura per singoli operatori, è ora allo studio l’integrazione del dispositivo ad aspirazione inventato dai ricercatori del DiMeCa per l’eventuale automazione dell’intero processo, dalla mondatura e posa dei bulbi fino al confezionamento. 
Il progetto, inserito nei programmi della Rete regionale per l’innovazione e testato sul campo a San Gavino Monreale (uno dei centri di coltivazione dello “Zafferano di Sardegna” con marchio Dop), ha dimostrato la possibilità di produrre industrialmente macchine agevolatrici a basso costo, con una immediata ricaduta sulla produttività delle piccole e medie imprese, non solo sarde, tipiche nel settore di questa spezia.

Andrea Manuello Bertetto  Nato nel 1958 a Milano, è professore straordinario del Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’Università di Cagliari. Ha studiato al Politecnico di Torino dove si è laureato in Ingegneria aeronautica e in Ingegneria Astronautica e conseguito il Dottorato di ricerca in Ingegneria aerospaziale. Ha svolto attività di ricerca nel Dipartimento di Meccanica dello stesso Politecnico di Torino (con cui collabora tuttora in qualità di docente) e nell’Alenia. Nel 1999 è stato uno dei fondatori della rivista scientifica “International Journal of Mechanics and Control”, di cui dal 2003 è Editor in Chief. Dal 2001 è docente di Meccanica applicata alle macchine e coordina il Dottorato di ricerca in Progettazione meccanica della facoltà di Ingegneria di Cagliari. Dal 2002 è membro della commissione didattica per il monitoraggio della didattica del Gruppo Italiano di Meccanica applicata (GMA). I temi di ricerca riguardano la Meccanica applicata, la Robotica e l’Automazione, con particolare attenzione a Pneumatica e Fluidica.
Roberto Ricciu  Nato a Olbia nel 1970, è ricercatore del Dipartimento di Ingegneria meccanica dell’ateneo cagliaritano (raggruppamento Misure meccaniche e termiche) fin dal 2002. Laureato a Cagliari in Ingegneria civile, collabora a progetti di ricerca di vari enti pubblici e del Dipartimento di Ingegneria idraulica. I suoi attuali studi riguardano principalmente il comportamento statico e dinamico di trasduttori di deformazione.


Nessun commento:

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.