i
i
i

lunedì 27 settembre 2010

L'ISOLA DEI DISCHI - VIAGGIO ATTRAVERSO LA PRODUZIONE DISCOGRAFICA IN SARDEGNA

SOURCE: Aipsa Edizioni Website


Autore: Claudio Loi

Editore: Aipsa Edizioni

Data di Pubblicazione:  Luglio 2008

Pagine: 288

Prezzo: Euro 20,00

ISBN: 978-87636-07-4


"La carrellata che queste pagine si propongono ci torna utile per scoprire quali fermenti, quali intuizioni e quali sviluppi abbiano attraversato la scena musicale sarda nell’arco grosso modo dell’ultimo mezzo secolo o poco meno. Ci torna utile per scoprire la specificità della Sardegna anche nell’ambito della produzione musicale che, specie sul fronte di quella di tradizione popolare, è sempre stata contrassegnata da una ricca documentazione rispetto al resto d’Italia.
Il poderoso lavoro svolto è encomiabile; ha il pregio di fissare nomi e titoli di un censimento direi già esaustivo, aggiornatissimo al punto da arrivare ai giorni nostri.
Offre uno strumento utile a quanti volessero cimentarsi in una navigazione a largo raggio nel mare della musica prodotta in Sardegna; mettendo in mano una bussola precisa per orientarci anche verso il magmatico universo che esula da fraseggi e costruzioni musicali fedeli alla tradizione più pura. Perché questo è poi l’insegnamento che questa puntigliosa archiviazione ci detta: pur in presenza di un patrimonio etnomusicale unico e irripetibile, questa regione mostra maturità, creatività anche in ambiti espressivi che da quelle “radici” sono lontanissimi. "Come dire che non solo tenore e launeddas sono la forza della musica espressa dalle nostre parti". Dall'introduzione di Giacomo Serreli

Offre uno strumento utile a quanti volessero cimentarsi in una navigazione a largo raggio nel mare della musica prodotta in Sardegna; mettendo in mano una bussola precisa per orientarci anche verso il magmatico universo che esula da fraseggi e costruzioni musicali fedeli alla tradizione più pura. Perché questo è poi l’insegnamento che questa puntigliosa archiviazione ci detta: pur in presenza di un patrimonio etnomusicale unico e irripetibile, questa regione mostra maturità, creatività anche in ambiti espressivi che da quelle “radici” sono lontanissimi. “Come dire che non solo tenore e launeddas sono la forza della musica espressa dalle nostre parti”.



Nessun commento:

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.