i
i
i

martedì 15 marzo 2011

17 / 03 / 2011 - CONFERENZA PER IL 150° ANNIVERSARIO DELL'ITALIANIZZAZIONE FORZATA DELLA SARDEGNA

SOURCE: Comunicato Stampa

The Comitadu pro sa limba sarda (Pro Sardinian Language Committee) announces the commencement of a remonstration procedure against the Italian Government for human rights violations related to the omitted application of Constitutional privileges, under the responsibility of the Italian State, regarding the teaching of Sardinian and other minority languages in Italian schools within the island of Sardinia.

The Comitadu pro sa limba sarda is thereby petitioning the United Nations High Commissioner for Human Rights (OHCHR), Navanethem Pillay, to take the necessary remonstrative action against the Italian Government so that the articles 1.1, 2.3 and 4.3 of the Declaration on the Rights of Persons Belonging to National or Ethnic, Religious and Linguistic Minorities (General Assembly resolution 47/135 of 18th December 1992) be respected, in particular regarding:
  • the omitted protection of the national, cultural and linguistic identity of the Sardinian ethnic minority;
  • the nonexistence of appropriate measures that may allow persons belonging to the Sardinian minority to adequately learn and have instruction in their mother tongue in their own territory.
The Comitadu pro sa limba sarda asserts that the use of Sardinian language within schools of all levels in Sardinia cannot be delayed any longer since this discrimination is slowly cancelling the national identity of the Sardinian people. The Italian Government must provide adequate funds so that state education may be conducted in Sardinian language as well.
The non application of Constitutional rights, actively pursued by the central government, is one of the biggest obstacles towards the complete recognition of the parity between the Italian and Sardinian languages and is an offence to the dignity of the Sardinian people, especially of the younger generations who are denied of elementary collective and individual rights.
The Comitadu pro sa limba sarda, shall formally initiate the procedure of Human Rights violation by sending a letter , March 17, 2011 ,to the High Commissioner for Human Rights, Navanethem Pillay, and to the Human Rights Council.

The first signatories for the Comitadu pro sa limba sarda

Antonimaria Pala
Diego Corraine

Francesco Casula
Gianfranco Pintore
Mario Carboni
Michele Pinna
Paolo Pillonca
Francesco Cheratzu





Casteddu 15 de Martu 2011

Comunicadu de istampa

Su Comitadu pro sa limba sarda, at cumintzadu unu protzedimentu de reclamu pro sa violatzione de sos deretos de s'òmine in contu de mesuras discriminatòrias in relatzione cun su no-imparòngiu de sa limba sarda e de sas limbas alloglotas in sas iscolas italiana in Sardigna, violatzione fata dae s'Istadu italianu chi nde tenet cumpetèntzia costitutzionale.

Su Comitadu pro sa limba sarda s'incumandat a su Cummissàriu pro sos deretos umanos de sas Natziones unidas, Navanethem Pillaym, reclamende, chi s'Istadu italianu non rispetat sos artìculos 1.1 e 2.3 de sa Decraratzione de sos deretos de sa pessones e de sas minorias ètnicas, religiosas e linguìsticas adotada dae s'Onu in sa risolutzione n. 47/135 de su 18 de Nadale 1992, e in manera distinta in contu de:
- s'amparu mancadu de s'identidade natzionale, culturale e linguìstica de sa minoria sarda;
- sa mancàntzia de mèdios pretzisos pro fàghere a manera chi sos membros de sa minoria sarda tèngiant sa possibilidade de imparare sa limba materna issoro e de retzire un'istrutzione in sa limba materna issoro.

Su Comitadu pro sa limba sarda pessat chi siat oramai còmprida s'ora pro s'imparòngiu de sa limba natzionale sarda e in sa limba de sa minoria in sas iscolas de cada òrdine e gradu, cun un'impinnu finantziàriu de bundu fatu dae s'Istadu italianu pro arressare su protzessu de isnatzionalizatzione e de assimilatzione giutu a in antis in manera sighida in s'iscola italiana in Sardigna.

Custu protzessu resurtat comente una trobea a su moimentu largu e profundu pro s'amparu, sa normalizatzione e s'ufitzializatzione de sa limba sarda e de sas alloglotas, in unu regìmene de bilinguìsmu cun sa limba italiana, chi oramai non si podet arressare e chi est amparadu dae sa Regione sarda; unu protzessu chi noghet mescamente a sos giòvanos e non dat cara a sos prus elementares de sos deretos tziviles, colletivos e personales de unu pòpulu, cumintzende dae sos deretos linguìsticos, identitàrios e culturales.

Su Comitadu pro sa limba sarda at a comunicare, su 17 de martu 2011, su cumintzu de su protzedimentu a mèdiu de una lìtera mandada a su Cummissàriu pro sos deretos umanos, NAVANETHEM PILLAY, pesadu in su 1993 dae s'Assemblea de sas Natziones unidas.


Primos firmatàrios pro

Su Comitadu pro sa limba sarda

Antonimaria Pala
Diego Corraine
Francesco Casula
Gianfranco Pintore
Mario Carboni
Michele Pinna
Paolo Pillonca
Francesco Cheratzu



Cagliari 15 Marzo 2011
Comunicato stampa



Su comitadu pro sa limba sarda, ha iniziato una procedura di reclamo per la violazione dei diritti dell'uomo riguardo a misure discriminatorie relative al non insegnamento della lingua sarda e delle lingue alloglotte nella scuola italiana in Sardegna di ogni ordine e grado da parte dello Stato italiano che ne ha competenza costituzionale. 
Su comitadu pro sa limba sarda si rivolge all'Alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Navanethem Pillay, reclamando il rispetto da parte dello Stato italiano degli art. 1.1 e 2.3 della Dichiarazione dei diritti delle persone e delle minoranze etniche, religiose e linguistiche adottata dalle Nazioni Unite nella risoluzione n° 47/135 del 18 dicembre 1992, ed in particolare riguardo a :

-la mancata protezione dell'identità nazionale, culturale e linguistica della minoranza sarda.
-l'assenza di misure appropriate perché gli appartenenti alla minoranza sarda abbiano la possibilità di apprendere la loro lingua materna e di ricevere un'istruzione nella loro lingua materna.

Su Comitadu pro sa limba sarda ritiene ormai ineludibile l'insegnamento della lingua nazionale sarda e nella lingua della minoranza nella scuola di ogni ordine e grado con un adeguato impegno finanziario da parte dello Stato italiano al fine di fermare il processo di denazionalizzazione forzata e di assimilazione portato avanti senza soluzione di continuità nella scuola italiana in Sardegna.

Tale processo risulta un ostacolo al vasto e profondo movimento per la difesa, la normalizzazione e l'ufficializzazione della lingua sarda e delle alloglotte, in un regime di bilinguismo con la lingua italiana, ormai vasto ed inarrestabile e sostenuto dalla Regione sarda, che danneggia sopratutto le nuove generazioni e non rispetta i più elementari diritti civili collettivi ed individuali di un popolo a partire dai diritti linguistici, identitari e culturali.

Su comitadu pro sa limba sarda comunicherà il 17 marzo 2011 l'inizio della procedura con una lettera inviata all'Alto Commissario ai diritti umani creato, NAVANETHEM PILLAY, nel 1993 dall'Assemblea delle Nazioni Unite.

Primi firmatari per

Su Comitadu pro sa limba sarda

Antonimaria Pala
Diego Corraine
Francesco Casula
Gianfranco Pintore
Mario Carboni
Michele Pinna
Paolo Pillonca
Francesco Cheratzu

Nessun commento:

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.