i
i
i

lunedì 18 aprile 2011

FENOSU, RIBADIAMO LA DOMANDA: DOVE VUOLE ARRIVARE CAPPELLACCI?

Ecco che siamo quasi arrivati alla liquidazione dell’aeroporto di Oristano-Fenosu.
Perché Cappellacci ha voluto che Fenosu arrivasse a questo punto?
Già nell’altro articolo ci chiedevamo dove volesse arrivare il Presidente della Regione. Facciamo un riepilogo.

L’aeroporto di Fenosu aveva aperto ai voli passeggeri il 3 giugno 2010 con la tratta Fenosu-Fiumicino operata da un Fokker 50 della compagnia olandese Denim Air.

di M.R.


In quel periodo la So.Ge.A.Or SpA, la società che gestiva lo scalo era già in attesa dei finanziamenti della Regione Sardegna che tardavano ad arrivare. Infatti, con deliberazione N. 56/27 la RAS aveva già stabilito di stanziare, il 29.12.2009, 10 milioni di euro per il sostegno, lo sviluppo ed il consolidamento dei due aeroporti minori di Tortolì e di Oristano. Non si capiva però come questi 10 milioni di euro sarebbero stati divisi fra i due scali e qualcuno già sentiva puzza di bruciato. Cito dalla Nuova Sardegna del 31 dicembre 2009: “Tutti tranquilli” “perché l’assessore regionale ai Trasporti, Liliana Lorettu, ha chiarito che i soldi per l’aeroporto oristanese ci sono.

Di più, nella risposta all’interrogazione presentata dal consigliere regionale Attilio Dedoni, ha anche specificato come questi fondi siano stati ripartiti e per quali opere serviranno” “E allora via ogni dubbio ed ecco le cifre, indicate nella risposta dell’assessore regionale. La ripartizione è semplice: cinque milioni vanno all’Ogliastra, l’altra metà all’Oristanese. Come verranno usati? Un milione e quattrocentomila euro verranno spesi per l’acquisizione di aree per l’ampliamento dell’aeroporto. L’importo maggiore, ovvero tre milioni di euro, serviranno per il prolungamento della pista, indispensabile per ottenere l’autorizzazione all’atterraggio di velivoli di una certa dimensione. Seicentomila euro saranno invece da destinare all’acquisto di dotazioni tecniche e reti tecnologiche”.

Dicevamo, il 3 giugno 2010 Fenosu aveva già iniziato i voli e stava ancora aspettando i 5 milioni dalla Regione che però, nel frattempo e nonostante l’interrogazione del consigliere regionale, si erano già trasformati in 3 milioni grazie alla delibera N. 4/6 DEL 2.2.2010 perché i restanti 7 dovevano andare a Tortolì, all’aeroporto il cui presidente è Giorgio Mazzella, presidente anche della Banca di Credito Sardo e titolare di svariate strutture ricettive della costa ogliastrina.
Fra l’altro l’aeroporto di Tortolì-Arbatax nell’estate del 2010 ha operato in regime di Continuità Territoriale, diritto che è stato contemporaneamente negato a Fenosu.

Il 26.1.2011, mentre l’aeroporto di Fenosu era ormai giunto allo stremo, la Regione stabilisce con deliberazione N. 3/21 di prendersi minimo 40 giorni di tempo per studiare le cause che hanno portato lo scalo a quella condizione di criticità per poi eventualmente erogare i finanziamenti.
Il giorno seguente la So.Ge.A.Or è costretta alla sospensione dei voli che sono tuttora sospesi.
I 40 giorni sono passati abbondantemente, di finanziamenti neanche l’ombra, la Società va in liquidazione.

Ora la domanda che sorge spontanea non è perché Tortolì dell’amico Mazzella sia stato trattato coi guanti e Oristano a pesci in faccia, la domanda è: perché Cappellacci ha voluto che Fenosu arrivasse alla liquidazione?
Chi comprerà Fenosu a una cifra simbolica ora che è destinato a liquidazione certa?

L’unica cosa chiara è chi pagherà i debiti, cioè la Provincia e il Comune di Oristano in massima parte, grazie all’inettitudine degli oristanesi, troppo provinciali per capire cosa avevano in mano.
Chi si piglierà l’aeroporto di Fenosu, che potenzialmente può essere il maggior aeroporto sardo, servito su un piatto d’argento?

Sarà uno che lo ridurrà ai minimi termini affinché non nuoccia all’aeroporto di Elmas o sarà uno che lo farà fruttare, con l’aiuto dei contributi regionali, alla faccia dei nostri sfigati cugini oristanesi?


34 commenti:

  1. Finalmente qualcuno cerca di fare vera informazione. Grazie.

    RispondiElimina
  2. Fenosu è un aeroporto in mezzo al nulla...la zona di arbatax è rimasta per anni senza aeroporto e cmq li le strutture ricettive si sono sviluppate senza aeroporto. Sembra che la zona di Oristano senza Fenosu sia morta ma è solo una scusa. Li non sono in grado di fare turismo serio e non si meritano un aeroporto, perfettamente inutile perche cmq costa meno arrivare a Cagliari e partire cn ryanair piuttosto che essere schiavi di orari assurdi cn la denim. La regione ha i suoi buoni motivi per chiudere Fenosu.

    RispondiElimina
  3. che abbia i suoi "buoni" motivi non lo mette in dubbio nessuno....

    RispondiElimina
  4. Ma gli oristanesi sono così fessi o qualche rappresentante locale ha aiutato Ugo volontariamente?

    RispondiElimina
  5. beh i buoni motivi possono anche essere economici..perchè spendere su un aeroporto che raramente aveva aerei pieni?? fenosu servirà se gli imprenditori oristanesi inizieranno a far sviluppare il turismo, allora si che un aeroporto faciliterà l'arrivo di molti piu turisti. ma se cmq non riescono a sviluppare il turismo cosi, un aeroporto non cambiera le cose. se i primi a snobbare fenosu sn gli oristanesi che x partire vanno cmq a cagliari perche dovremo spendere x tenerlo aperto?? usiamo lo spazio x concerti cm fatto x Ligabue che è meglio..

    RispondiElimina
  6. LA Regione ha i suoi buoni motivi per chiudere Fenusu...comprarlo a poco prezzo...o favorire altri interessi. MA credete ancora che la Regione faccia gli interessi dei sardi?! Se si...fatemi un esempio. Vogliamo parlare dei tagli fatti per la sanità? (negando l'evidenza tra l'altro). Secondo voi la Regione, lo Stato regionano in termini di benessere della società? Vedete reali tentativi di miglioramento?

    RispondiElimina
  7. Fenosu ha potenzialità enormi, prenderebbe passeggeri da 4 delle maggiori province; è questo che fa paura a Cagliari. Hanno fatto 10.000 passeggeri con un aeroplanino del cavolo coi giornali contro e senza i soldi per la pubblicità, l'ultimo periodo prima della chiusura gli aerei erano sempre pieni...

    RispondiElimina
  8. Siamo alla frutta, chissà chi c'è sotto questa farsa. E noi ancora ci ostiniamo ad ascoltare le boiate di Cherchi, Diana, Nonnis e del PD oristanese, per non parlare degli indipendentisti che sono troppo occupati con i flash mob per Eleonora. Son tutti pronti a screditarsi a vicenda e nel frattempo si fanno fregare la cosa più importante di tutto il territorio. Ma son troppo fessi o qualcuno è in malafede?

    RispondiElimina
  9. Solo la megalomania e la mala fede di qualche politico oristanese che aveva promesso posti di lavoro in cambio di voti poteva inventare la favoletta di Fenosu grande aereoporto. Ma alla fine i nodi vengono al pettine.
    Restituiamo Fenosu alle Pecore!!!!! E all'Aereoclub, l'unico "ente" che aveva capito come sfruttarlo!!!

    RispondiElimina
  10. .... e il guaio é che c'é qualcuno (40 per l'esattezza) che ora quei posti li reclama con arroganza e alla fine saranno spese per i sardi. Soldi buttati..

    RispondiElimina
  11. Forse l'unica potenzialità che può avere Fenosu è quella di fare lo scalo merci. Le infrastrutture possono svilupparsi soltanto congiuntamente al territorio. Voi costruireste un aeroporto nel deserto? Fenosu è stato (e rimane) un marchettone elettorale delle "lobby" locali finalizzato a creare qualche posto di lavoro. E' più uno slogan, che un aeroporto! Perchè non "ripensare" lo sviluppo locale, invece che buttare i soldi su Fenosu?

    RispondiElimina
  12. La pecorella smarrita18 aprile, 2011 23:16

    Gran bell'articolo, finalmente un po' di inchiesta. E' che analizza solo l'aspetto di Cappellacci; ce ne vorrebbe un altro che metta in risalto la ristrettezza mentale di certi oristanesi a cui viene troppo difficile ragionare e che preferiscono vivere di invidia

    RispondiElimina
  13. Ancora questi dell'aeroclub ! Non riescono a guardare oltre il loro cortiletto. Incredibile.

    RispondiElimina
  14. Dovrebbero leggerlo gli oristanesi, per rendersi conto.

    RispondiElimina
  15. Gli oristanesi e la mediocre classe politica composta dai soliti noti che bivacca negli uffici da 40 anni non meritano l'aeroporto; forse è un bene che la Regione metta fine a tutto.. Oristano però resterà l'ospizio che è, senza possibilità di sviluppo, senza voce in capitolo a livello istituzionale, con la solita inet...ta classe dirigente a cui fare riferimento.... e i 32.000 cittadini? Bhe loro dormiranno come al solito in preda ad un torpore inspiegabile; intanto "l'elite" gioca sulla pelle di questi cittadini "silenziosi" . Qualcuno caga sul loro futuro, ma loro... i cittadini di Oristano, la voce non la alzano mai, se non per rivendicare particolarismi e gelosie e per lanciarsi fango a vicenda...mi dispiace per voi, che tristezza... :-( Qualcuno disse che il problema non è il padrone, bensì i servi, qualcun'altro ancora: pocos, locos y mal unidos, quel qualcuno probabilmente sbarcò ad Oristano.....come dicono a Oristano attrus annus mellus... ma calli annus? Saluti Alessia.

    RispondiElimina
  16. penoso spettacolo oggi alla manifestazione pro-disoccupat svoltasi a cagliarii. in mezzo a disoccupati veri e con problemi veri e appartenenti ad aziende che producono o producevano si sono infilati anche gli ex dipendenti di fenosu...a reclamare che cosa poi????

    RispondiElimina
  17. Ciò che sarebbe giusto dargli: il loro lavoro. Giusto non solo per loro e per le loro famiglie ma, ancor di più se possibile, per tutto il territorio.
    Mi spiega come mai non critica mai l'oggetto dell'articolo ma lancia accuse inutilmente? Sia più costruttivo, per cortesia. Ne abbiamo le tasche piene di parole al vento. Lo ha letto l'articolo?

    RispondiElimina
  18. Fuori i moratti e i loro simili dalla nostra terra.20 aprile, 2011 20:03

    "Appartenenti ad aziende che producono"? che cosa, inquinamento? In Sardegna meglio la chimica che gli aeroporti?

    RispondiElimina
  19. quanta ipocrisia...sono pronto a scommettere che se gli ex dipendenti di fenosu verranno sistemati e stabilizzati presso qualche ente pubblico con stipendio fisso (in quanto questo é il motivo del loro contendere, inutile nascondersi)la smetteranno di colpo di preoccuparsi tanto del territorio, del futuro dell'oristanese e del suo sviluppo.
    L'unico motivo di avere un traffico aereo a oristano era rappresentato dall'aeroclub, che certo non aveva contratto i debiti di fenosu.
    Come ha giustamente riportato un altro commentatore "la zona di arbatax è rimasta per anni senza aeroporto e cmq li le strutture ricettive si sono sviluppate senza aeroporto".
    Adesso a sentire certe persone sembra che con la chiusura di Fenosu si prospetti una drammatica apocalisse per tutta la zona di oristano...ma che la smettano..chi si vuol muovere potrà usufruire di Elmas, e con il potenziamento della rete ferroviaria, la distanza Elmas-Oristano sarà percorribile in tre quarti d'ora.
    In ogni caso, l'ufficio di collocamento é sempre aperto e come fanno tutte le persone che perdono lo stipendio (non il lavoro, poichè nonostante quello che vogliono farci credere Fenosu non era Heathrow e movimento ce n'era poco, e non rincominciamo con Ligabue, il flusso é arrivato solo grazie a quel concerto e alla Sartiglia, ne vogliono organizzare una al mese?) se ne cercheranno un altro senza attaccarsi all'assistenzialismo del settore pubblico, che ha bisogno di tagli e non certo di inutili spese aggiuntive.

    RispondiElimina
  20. Open your mind20 aprile, 2011 23:02

    Finalmente un articolo che inquadra l'argomento in maniera ampia, che non parla di invidie paesane o di diportisti dal dente avvelenato. Fenosu ha un'importanza enorme per il territorio, nel bene e nel male lo hanno capito prima i cagliaritani, adesso è ora che lo capiamo anche noi. Un grazie all'autore di questo blog.

    RispondiElimina
  21. The Widowmaker20 aprile, 2011 23:14

    Scusate, ma che problema c'è? Col potenziamento della rete ferroviaria i diportisti potranno lasciare l'aeroplano a Elmas e andarci in treno in 45 minuti e Fenosu diventa uno scalo passeggeri per tutto il Centro-Sardegna. A loro piace andare in treno a Elmas, a noi piace avere l'aeroporto passeggeri qui, siamo tutti d'accordo.

    RispondiElimina
  22. @Lockheed: spera che non ti capiti mai di rimanere senza lavoro, conosci cosi bene i problemi sociali che non ti sei nemmeno reso conto che gli uffici di collocamento non esistono più dal 2003.Io non sono un dipendente e penso che l'aeroporto sia un bene di prima necessità e porterebbe tanti posti di lavoro. Tu probabilmente pero' lo capirai solo tra una decina di anni. Nel mentre, perlomeno, prova a informarti. Saluti a te e a tutto l'aeroclub.

    RispondiElimina
  23. Potenziamento della linea ferroviaria? Ancora crediamo a queste storie? Che interesse avrebbero le FS a collegare Oristano a Elmas garantendo un treno per ogni coincidenza con qualsiasi volo? Cappellacci dice questa ca..ata e ad oristano invece di tirargli pomodori ce la beviamo e la riportiamo pure nei blogs. Assurdo credere a queste fandonie. Inoltre sarebbe ora di capire che, più che per l'utilità di poter prendere dal territorio di Oristano, Nuoro-Bosa etc. un aereo senza affrontare viaggi della speranza in 131, il Campanelli è FONDAMENTALE per incrementare gli arrivi di turisti. Alle prossime comunali si potrebbe fare una lista civica ad hoc: "ORISTANO PER L'AEROPORTO E PER LO SVILUPPO REALE DEL TERRITORIO". Non possiamo continuare a subire: Il pdl è un comitato d'affari con sede a Cagliari e a Milano, il pd si occupa solo delle gelosie per le nomine in provincia e dei gatti di su pallosu che sono arrivati pure in parlamento, quelli di progres hanno paura di esporsi e dire la propria ma fanno un casino incredibile per una conferenza che senza la loro pubblicità sarebbe stata seguita da 10 persone( ma le infrastrutture non erano il loro cavallo di battaglia?). E noi cittadini ancora a subire? Basta, riprendiamoci la nostra città.

    RispondiElimina
  24. Le cappellate di cappellacci...

    RispondiElimina
  25. Un'invito agli Oistanesi che hanno a cuore il territorio perchè non diamo il benvenuto elettorale ai vari Mario Diana, Cherchi Oscar due lecca natiche di Cappellacci casteddaiu de M...A, seghiamoli in fase elettorale in modo che poi vadano loro all'ufficio di collocamento ad elemosinare. Peppone ORISTANO

    RispondiElimina
  26. Che spettacolo sentire in tv a videolina l'altra sera Mario Diana a proposito dell'aeroporto Ernesto Campanelli d Oristano, avvallava tutta la teoria elencata dal presidente della sogaer società di gestione aeroporto cagiari. Si vede propro che è al corrente della materia aeroportuale, è uno che striscia come un'invertebrato dinanzi al più forte, vesse l'ulmità di documentarsi almeno. Mitico anche il conduttore perchè non ha invitato magari anche telefonicamente ilconsulente della sogeaor Emanuele Rimini? videolina (importantissimo network) striscia come tutta la carta stampata, non sono in grado di eseguire inchieste, sono semplicemente dei giornalisti( se cosi si possono chiamare)che leccano le natiche. un consiglio guardatevi il film di mel gibson braveheart

    RispondiElimina
  27. un invito agli oristanesi che hanno a cuore il territorio e il bilancio: all'On. Mario Diana e all On. Oscar Cherchi dovremmo fare un monumento perchè hanno fermato questa emorragia di denaro pubblico...BRAVI! COSI' SI FA. Finalmente di politici che attuano un taglio agli sprechi e enti poco utili

    RispondiElimina
  28. Si, ci ricorderemo di loro alle prossime elezioni, non preoccuparti. Il monumento se lo son già fatti da soli: son talmente immobili che sembrano statue! Aiuto, in belle mani ci siamo messi! Ora l'aeroporto perderà tutte le autorizzazioni e tutto ciò che di buono era stato fatto e loro non muovono un dito. Per riaprirlo passeranno altri 30 anni, speriamo che nel frattempo i 2 succitati si siano levati dai c......i. Un aeroporto in Sardegna è un "ente poco utile" ? Ma come si può ancora dire queste cose? Ma chi le dice su cosa basa le proprie certezze? O chi le dice ha interesse a farlo? La cosa peggiore rimangono cmq i politici oristanesi che svendono il territorio da cui provengono per una poltrona di prestigio a livello regionale: siete solo dei burattini prezzolati.

    RispondiElimina
  29. Oristanesi, bisogna mettere fuori dai giochi questi bovini politicanti, usano la lingua con i più potenti solo perchè arrivano da un'estrazione politica di tipo feudataria, la destra, ha sempre prodotto cose simili, poltrone per pochi, fame e miseria per gli altri, loro (i pseudo politici rappresentanti il territorio) vedi Cherchi, la loro ambizione massima e far notare il loro status di privilegati. Meritano solo pedate nel..e dopo indifferenza. Giuseppe Oristano

    RispondiElimina
  30. Certo che l'autore di questo articolo ci vide molto lungo. La tristezza è che i candidati alle prossime comunali di OR o sono vecchie facce prezzolate o nuovi senza palle che se ne lavano le mani. Chi votare? boh

    RispondiElimina
  31. hai ragione, ci fosse almeno un candidato che si esponga su questo argomento! Dalla padella alla brace. Di nuovo Cherchi, di nuovo Diana, di nuovo un PD inconcludente e fastidioso, un candidato di centro che subisce gli ordini di Oppi e un gruppo di indipendentisti che non ha alcuna proposta concreta. Altra occasione mancata, altri anni di povertà assoluta. Fenosu dovrebbe essere il punto cardine di qualsiasi programma elettorale invece parlarne è diventato tabù. Paura di perdere gli agganci con i vertici casteddai dei propri partiti e paura di perdere i voti di quei cittadini che, non si capisce perchè,ancora pensano che avere un aeroporto in città sia un qualcosa di negativo.

    RispondiElimina
  32. HO CITATO CAPPELLACCI PERCHE' LUI E' IL NEMICO DI ORISTANO, E IL PIU' ACCANITO CONTRO LO SVILUPPO DI OR, SAPPIATE CHE OLTRE A LUI E TUTTI QUELLI CHE GLI LECCANO IL CULO (CHERCHI E NONNIS) GLI ALTRI NEMICI DI ORISTANO SONO MANICHEDDA (SARDISTA PSDAZ) E SORU (PD), MI RIVOLGO AD ANONIMO PERCHE' COME E' STATO CITATO (VEDERE LUNGO) SEMBRA PROPRIO IRONICO, HO SOLTANTO RIPORTATO LA REALTA' DEI FATTI, LA DESTRA COMUNQUE E' NEMICA DELLO SVILUPPO SONO SOLO CONSERVATORI. PIACCIA NON PIACCIA, CONTINUATE A LECCARE IL CULO AL PSICONANO E COMPAGNI DI MERENDE. SALUTI GIUSEPPE SANNA

    RispondiElimina
  33. http://www.issuu.com/110elode/docs/alice.steri

    ho trovato questa splendida tesi di laurea in internet. Mi pare che lo studio fatto dall'autrice porti alle stesse conclusioni dell'articolo da voi scritto. Sarebbe bello che gli oristanesi avessero finalmente un moto di orgoglio e si ribellassero. Ma ho i miei dubbi. Sentendo in giro le opinioni della gente si capisce che la campagna mediatica ha sortito i suoi effetti. Ci sono tanti giovani oristanesi che sostengono che un aeroporto è solo "uno spreco di soldi pubblici". Dispiace, davvero, vedere una città prendere a calci il proprio futuro. Ma dispiace ancor di più pensare che ancora una volta gli interessi economici di pochi e le ristrettissime vedute politiche e il leccaculismo degli amministratori locali abbiano avuto la meglio sul lavoro di quei pochi che ci avevano creduto. Certo è che sino a quando saremo noi a pensare che un aeroporto non serve non potrà mai esserci sviluppo. Oggi è chiuso l'aeroporto, domani magari chiuderà l'università. D'altra parte ce ne è una a 90 km da Oristano, che senso ha spendere soldi per tenere ancora aperto il Consorzio Uno? per non parlare dell'ospedale, chissà quanto ci costa! Nessuno ha mai pensato che a Cagliari ce ne sono già tanti? il S.Martino va subito chiuso! è una macchina mangiasoldi! e il porto? siamo pazzi ad avere un porto in funzione con quello che costa? Non basta quello di Cagliari?
    Che tristezza.
    Salvatore Marongiu.

    RispondiElimina
  34. Gli oristanesi, fossero stati svegli (ma purtroppo dormono...), per Fenosu avevano un'arma potentissima a loro favore e non l'hanno usata a dovere: ACQUISTARE DA SUBITO BIGLIETTI A TUTTO SPIANO per volare con la Denimair! Io, nel mio piccolo, ho tentato di fare del mio meglio con 7 biglietti A/R. Oristanesi siete deludenti, con il vostro comportamento avete dimostrato di non meritare un gioiellino di aeroporto!!! Paolo

    RispondiElimina

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.