i
i
i

venerdì 19 agosto 2011

I SARDISTI HANNO LA FACCIA COME IL CULO

I sardisti consegnano la Sardegna a Silvio
L’ultima cosa di cui ha bisogno l’indipendentismo sardo, è una nuova ondata di populismo demagogico sardista in salsa leghista. Dopo aver messo la Sardegna letteralmente nelle mani di Silvio e della sua banda di predoni, ladroni, coglioni e tutti gli altri “oni” che si meritano, e continuando a essere fedeli alleati nella GFC, la Giunta Farsa Cappellacci, bisogna proprio avere la faccia come il culo e zero senso del ridicolo, oltre che nessun briciolo di dignità, nel fare una proposta da partito sudamericano dell’’800, come quella di cambiare il nome delle “via Roma” della Sardegna, in “via del Popolo Sardo”.
Al grido di "Roma ladrona!", quindi, come il leghismo più becero, anch'esso alleato di Silvio come il sardismo, quando la verità è che se la Sardegna è nelle condizioni in cui è, la colpa è unicamente di noi sardi e dei politici che ci siamo scelti, quindi anche colpa del Psd'Az, che sta sulla cresta del'onda politica da 90 anni pieni. Il bello è che ci sono un sacco di indipendentisti "non-sardisti" che condividono questa proposta ridicola. “Una provocazione”, si dirà. Certo! Dico io, una provocazione nei confronti dei sardi, che mi auguro alle prossime elezioni scelgano di cancellare definitivamente l’unico partito italiano del ‘900, sopravvissuto alla prima repubblica: il Psd’Az. E’ giunta l’ora. 

P.S. Tre cose per quel sardista "furbetto" Paolo Maninchedda:

1 - Questa non è antipolitica. Non la tema. L’antipolitica presuppone l’esistenza della politica, che in Sardegna è "non pervenuta". L’aria che tira in Sardegna e che Maninchedda crede essere antipolitica,  in realtà è la Politica vera, solo che ormai lui non è più in grado di riconoscerla. A meno che le rivoluzioni del nordafrica per lui siano antipolitica, perché è della stessa aria che si sta parlando: del crepuscolo di un regime.

2 - Qualcuno gli dica che la California e la Florida non sono stati indipendenti. La smetta quindi di proporre quel modello per la Sardegna chiamandolo indipendentismo: si chiama federalismo, che è una proposta legittima e rispettabile, ma non è indipendentismo. Ma se il modello di riferimento è quello, allora perché non applicarlo in una situazione in cui la Sardegna fa parte degli Stati Uniti d'Europa, piuttosto che negli Stati Uniti d'Italia, che poi farebbero parte degli Stati Uniti d'Europa? Saltiamo un passaggio e non se ne parla più.

3 - Il primo requisito di un politico e la credibilità. Maninchedda l’ha persa da tempo, ma nonostante ciò continua a predicare bene e a razzolare male. Troppo facile spalare merda per due anni di fila sulla maggioranza di cui si fa parte, senza staccarsene. E’ come piangere disperati dalla fame mentre si sta mangiando un mailetto intero. A proposito: lui che fa parte della Commissione bilancio, cosa ne pensa  dei soldi Ue che torneranno indietro, perché la Regione si è “dimenticata” di spenderli? Questo è uno schiaffo alla gente disperata in Sardegna!



17 commenti:

  1. Accidenti! Questo articolo più che un'analisi risuona come uno sfogo bello e buono e non posso non condividerlo. C'è chi si ammazza di lavoro per portare avanti le stesse battaglie che ora- Mannichedda & friends -vogliono spacciare come le loro.
    Effettivamente l'ondata del "Politically Correct" sembra arrivata al capolinea, la gente ha fame, per le nuove generazioni non c'è futuro, è giusto indignarsi ma è necessario darsi da fare. Quindi scriviamo, arrabbiamoci e proponiamo sennò le parole restano inutile aria fritta.

    RispondiElimina
  2. Condivido parola per parola......sono anni che riteniamo una vergogna aver portato il partito sardo d'azione alla corte di re Silvio e ancora più vergogna ho provato nel momento i cui i capi di questo pseudo partito gli hanno regalato la bandiera dei quattro mori , appropiandosi di un simbolo che appartiene a tutti i sardi. Quel giorno ho scritto un messaggio nel sito del partito in cui facevo presente che quella bandiera ....." è anche mia e non si vende per trenta denari"......dopo un ora il mio commento è stato cancellato ...alla faccia della libertà di opinione......

    RispondiElimina
  3. grazie per aver scritto queste righe!
    le parole sono utili per "risvegliare i dormienti" e non bisogna smettere di scriverle, dirle, ripeterle e diffonderle.
    come ti scrive Matriota, è necessario darsi da fare e liberarsi una volta per tutti da questi fantocci con la faccia come il culo!!
    intanto grazie a te per lo sfogo :)

    RispondiElimina
  4. Robaccia nociva. Attaccare il psd'az solo perché è (programmaticamente) alleato ai berlusconiani e non a quegli altri...ancora?
    Il problema non sono i sardi che votano Fassino, Prodi, Berlusconi, CASINI, Bersani, etc; il problema non è che l'UDC prende il 9,4% nel 2009 in Sardegna, no: il problema sono i pochi sardi che votano un partito sardista.
    Ragà, format c: e riniziamo, magari capiamo dove vogliamo andare, in quanto sardi.

    RispondiElimina
  5. Il problema non è l'alleanza dei sardisti con Cappellacci; questa anzi era una via obbligata per chi non voleva quella con Soru e gli ex filosovietici di sardegna.Casomai è capire cosa vuol fare Maninchedda; a volte si ha l'impressione che voglia confondere gli elettori;scrive parole di buon senso e per una politica nuova, partecipata e dal volto umano. Poi appena uno lo prende sul serio torna indietro e fa discorsi del tipo "ma noi non siamo sognatori, anzi bisogna essere cinici"; e intanto dove può piazza le sue pedine nella pubblica amministrazione esattamente come gli altri, per acchiappare i voti, a qualunque costo, per la prossima campagna elettorale.E dulcis in fundo piazza le sue pedine nei paesi:diciamo quello che offre il mercato, fregandosene della presentabilità o meno di certi personaggi. Allora i programmi, il partito dei sardi, sono o no in linea con l'azione politica che si porta avanti stando ad amministrare? Questo è il problema vero a mio avviso. Non Cappellacci, che ha vinto democraticamente le elezioni, o Soru che le ha perse per 5 anni.
    Amsicora

    RispondiElimina
  6. Mario ma non è che hai preso un abbaglio? Io so che la proposta l'ha fatta paolo Casu, consigliere del psdaz....mm stai seguendo la scia di bellu o è lui che segue te? Povera informazione...quasi quasi riprendo a leggere l'unione sarda :-)

    RispondiElimina
  7. @ Ultimo anonimo: Non mi pare di aver scritto che la proposta l'ha fatta Maninchedda. A Maninchedda è dedicato il post scriptum, che in italiano significa "scritta dopo".

    RispondiElimina
  8. Complimenti vivissimi per il titolo. Veramente di alto livello intellettuale e politico. Se vuoi fare il giornalista attacca la spina prima di scrivere. Se speri che ti prendano in Sardegna 24 a scrivere oppure il Sardegna quotidiano, credo che non sia un buon passaporto. Certamente gradirebbero una tua genuflessione ma sono in grado di valutare anche la professionalità. La tua è poca cosa, visto il titolo che dice molto di più del testo..

    RispondiElimina
  9. @ anonimo 8: Se nella vita avessi voluto fare il giornalista, mi sarei piegato a 90°, già 15 anni fa. Ma purtroppo ho questo viziaccio di dire o scrivere quello che penso. Mi rendo conto che questa non sia pratica molto diffusa in Sardegna, compreso nei rapporti interpersonali, infatti si vede in che condizione siamo. In ogni caso, forse ti è sfuggito che già scrivo per Sardegna Quotidiano. ;)

    RispondiElimina
  10. Ehm...i commenti 6 e 7 son scritti da persone diverse :) io sono l'autore del 6...
    Mario la mia osservazione è riferita al fatto che chi ha fatto la proposta è si del psdaz ma bisognerebbe andare oltre e capire chi è Paolo Casu ;) Poi che i sardisti abbiano fatto porcate, questo è fuori da ogni dubbio, ma leggi l'articolo di Sardegna quotidiano su Paolo Casu :) secondo me si è trovato nel partito più che per affinità politica per cause di forza maggiore (le persone scomode non le vuole nessuno...) ma questa è solo la mia opinione :) saluti e complimenti per il blog...

    RispondiElimina
  11. Manichedda?
    Ma non sara' lo stesso giuda viscido che stava con Soru e ora aiuta Capellaccio?
    In politica i giuda trovano sempre qualcuno che gli dia i 30 denari ma mai l'albero al quale impiccarsi.

    E dato che ci siamo a proposito di Manichedda e politici viscidi vi anticipo una cosuccia.

    Pare che la prossima mossa dei tuoi vecchi amici (o ex amici non saprei) indipendentisti complottari di Progres sara' proprio quella di avvicinarsi a Manichedda e ai sardo-fascisti come loro ultima spiaggia. Ci sono voci che parlano di uno strano dialogare tra Franciscu Sedda e il nostro neoindipendentista-sardofascista. Come vedi in tanti hanno la faccia come il culo e questi indipendentisti duri e puri, tutti tulipani e sorrisini, dopo aver detto peste e corna di tutti i sardisti si alleano con il peggiore.

    Ma in politica, i viscidi come loro prima o poi si incontrano sempre e fanno affari.

    A questo punto stai attento. Ho paura che scrivendo nello stesso giornale con entrambi i due soggetti potresti esserne infettato.

    RispondiElimina
  12. @ Sardo Libero: tranquillo, indosso sempre il profilattico prima di iniziare a scrivere.

    RispondiElimina
  13. La provocazione di cambiare il nome di Via Roma in Via del Popolo Sardo ci stava eccome, non esiste stato europeo in cui la via principale di un capoluogo di regione abbia il nome della capitale dello stato. Tu questo fatto non l'hai commentato. Hai argomenti o hai solo un odio cieco nei confronti del PSd'Az (che peraltro è stato l'unico partito ad andare alle elezioni con accordi di programma e non si è alleato con Soru che li rifiutava)? Il PSd'Az vuole l'indipendenza. P.S. la costituzione degli USA regola giusto il commercio, per il resto gli stati sono indipendenti e se scelgono di avvalersi di strumenti federali lo fanno per volontà propria. Peraltro Maninchedda non parla di Stati Uniti d'Italia, ma ha una visione europea. Fortza Paris

    RispondiElimina
  14. @ Anonimo numero 13: "[...]Sto parlando di indipendenza della Sardegna, intesa come valore e come detonatore, della trasformazione dell'Italia, in uno stato federale a base associativa, sul modello degli Stati Uniti d'America." Parola scritta (e come si sa scripta manent) di Paolo Maninchedda nella prima pagina di Sardegna Quotidiano di Giovedì 18 Agosto.

    Di certo la California ha molta più sovranità della Sardegna in questa autonomia farlocca, ma il punto è che l'Italia o la Francia o la Germania sono stati indipendenti e la California no. Se poi vogliamo quel modello per la Sardegna in Europa, ditemi dove devo firmare ma non è di questo che parla Maninchedda, che vorrebbe quel ruolo per la Sardegna in Italia e per l'Italia quel ruolo in Europa. E' più facile saltare un passaggio. O no, questo è un ragionamento o no?

    Beh, certo, poi è chiaro e mi rendo conto che il fatto che "non esiste stato europeo in cui la via principale di un capoluogo di regione abbia il nome della capitale dello stato" in questo momento è il problema più sentito dai sardi, una vera priorità per tutti. Nei bar e negli autobus di Cagliari non si parla d'altro... E tutti sperano che dai banchi dell'opposizione si alzi forte il grido del Psd'Az, contro questa maggioranza che dire che non fa' un cazzo è un'offesa al cazzo. Peccato che il Psd'Az faccia parte di questa maggioranza, anche se a leggere il blog di Maninchedda, non sembrerebbe.
    Quando Dio ha distribuito il senso del ridicolo, i sardisti erano tutti al bar a discutere del fatto che "non esiste stato europeo in cui la via principale di un capoluogo di regione abbia il nome della capitale dello stato". Ma va, va...

    RispondiElimina
  15. Si, è un problema importante, perchè ti da la misura di quanto i sardi abbiano sempre avuto la testa china e di come, ancora oggi siamo pocos locos y mal unidos. Io sono più favorevole agli accordi di programma, perché è l'unico modo per iniziare a scardinare il sistema, dico iniziare. Attualmente i pocos locos y mal unidos non sono in grado di fare una rivoluzione, specie se alcuni partiti sardi si schierano supinamente insieme ai partiti italiani (vedi i Sorumori alle ultime elezioni)o se si fanno distinguo fra le servitù per ragioni politiche italiane (vedi quelli che si schierano contro Quirra ma hanno un occhio di riguardo per la SARAS di Moratti con la scusa che è un'industria che produce). Purtroppo, non essendo ancora uno stato indipendente dobbiamo muoverci nell'ambito della legislazione italiana ed europea, il passaggio all'indipendenza non può essere attuato in maniera diretta, ma per gradi, iniziando a far valere i diritti che già abbiamo e che vengono dimenticati dai politici sardi dei partiti italianisti. Cambiare il nome di Via Roma in Via del Popolo Sardo sarebbe un segnale forte, culturalmente parlando, per un popolo ancora sottomesso. Forse è ancora troppo presto, però e in fondo ci piace farci sodomizzare dagli italiani e sognare che un tempo eravamo i più fighi del Mediterraneo...

    RispondiElimina
  16. mi è piaciuto sia questa pagina giornalistica e chi non la scruta senza una critica equa quanto contestabile non è qui per caso forse x distrarre parte per cui è nato si è di parte insomma....( mi è anche piaciuto l'intervento di sardo libero )
    io NON sono molto informato di politica a mala pena quando devo votare sono quasi sempre con l'idea del centro sinistra. (Mi sembra anche a me siamo tornati al periodo post anni 80 in sardegna). perchè noi italiani non facciamo una bella cosa? è un modo x andare d'accordo, ci son le leggi seguiamole senza l'intrufolarsi di un leader questo permetterà in un pò di tempo che si ristabilisca un pò di criterio, perchè i disordini nascono x mancanza di chiarezza, lo sapete? sarebbe il modo migliore? ognuno la sua parte, se hai fatto un errore la volta successiva o ti sparano o ti spari da solo senza pensarci sapendo che conseguenze ci siano, se hai fatto bene ti attieni alla tua politica senza leader e sei contento! cavolo....meglio così che un secondo genocidio! le famiglie singolarmente non possono decidere si dovrebbe vedere le carte di legge dove c'è scritto il tramite tra politiche e stati locali cosa dice, ma ripeto a a parer mio la soluzione è eliminare il leader, e se mai averla avere una politica senza oggetto.....

    RispondiElimina
  17. MA GUARDATE CHE PAOLO CASU DI SARDISTA NON HA NULLA! SI è CANDIDATO CON QUEL PARTITO SOLO PER POTER ENTRARE IN CONSIGLIO COMUNALE PERCHE' NESSUNO LO VUOLE E NESSUNO LO AVREBBE CANDIDATO;VOLETE LA CONFERMA?? SE ANDATE NEL SITO DEL COMUNE VEDRETE CHE ORA FA PARTE DEL GRUPPO MISTO!!!! INSOMMA BELLA FACCIA DI CULO!!!

    RispondiElimina

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.