i
i
i

giovedì 8 settembre 2011

SEI ROM E HAI LA FERRARI? IL FISCO TI CONTROLLA SU BASE ETNICA

Scritto per Sardegna Quotidiano del 08/09/2011 e pubblicato col titolo
"Quando l'etnia mette in ombra la vera notizia"


Che in Italia c'è qualcosa che ha smesso di funzionare, lo si capisce anche dal modo in cui giornali e giornalisti a volte sbaglino  a riconoscere la notizia vera.
Sia chiaro, spesso ciò avviene in perfetta buona fede, condizionati inconsciamente dai meccanismi della comunicazione di massa, ma questo la dice lunga su come una certa "cultura" sia ormai divenuta gramscianamente egemonica.
Un esempio pratico lo ha fornito questo giornale, martedì 6 settembre a pagina 13, con l'articolo intitolato "La storia - Il rom gira in Ferrari - «L'ho pagata solo 15mila euro»”.
Secondo l'articolo, la notizia era che un Rom 35enne, non solo guidasse una Ferrari 360 Modena, ma che ne fosse addirittura il proprietario.
Sarà questione di punti di vista, ma per me che ho letto l'articolo, la notizia vera era un'altra e cioè che un individuo ha subìto «dei controlli da parte degli enti e delle autorità competenti», solamente perché di etnia Rom.
Ora, in uno stato di Diritto in cui per l'articolo 3 della sua Costituzione "tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali", Massimo, il 35enne Rom, operaio, ha subito quanto meno una discriminazione.
Per quanto ne sappiamo, a prescindere da quanto dichiarato al giornalista («l'ho pagata solo 15mila euro»), il 35enne Rom, potrebbe tranquillamente aver vinto i soldi al "Gratta e vinci" e in questo caso aver brillantemente superato i «controlli da parte degli enti e delle autorità competenti».
La notizia è ancor più curiosa, considerata la polemica scaturita nei giorni scorsi dall'opportunità di pubblicare online le dichiarazioni dei redditi, in modo da poter stanare gli evasori fiscali, raffrontando le loro dichiarazioni con l'effettivo tenore di vita.
Infatti, secondo le dichiarazioni dei redditi del 2009, gli italiani che hanno dichiarato un reddito lordo superiore a 200mila euro, sono stati appena 76mila, ma per l'Associazione Costruttori Europei Autoveicoli, nello stesso anno in Italia sono state vendute 206mila auto di lusso con un prezzo medio pari a 103mila euro.
Nessun dato è stato invece fornito sull'etnia degli acquirenti. Sarà questo il motivo per cui non hanno subìto «dei controlli da parte degli enti e delle autorità competenti»?

1 commento:

  1. I giornalisti a volte sbagliano a riconoscere la notizia vera ma non in buona fede

    RispondiElimina

Contribuisci al dibattito in modo sereno e costruttivo.